Luminarc al Salone del Gusto 2016 – Turin –

SALONE DEL GUSTO A TORINO E .. LUMINARC

Qualche giorno fa a Torino si è concluso il Salone del Gusto. C’è stato un gran afflusso di gente! Fiumi di persone si muovevano da uno stand all’altro alla scoperta di bellezze e bontà delle nostre regioni – e non solo – tutte da gustare, col palato e con gli occhi!

E sì! Gli occhi ancor prima del palato ci anticipano certe prelibatezze.. Si dice infatti che un cibo bello da vedere sia solitamente anche buono da gustare. Ma è stato difficilissimo (la domenica) riuscire ad assaggiare, o anche solo sentir parlare i produttori, delle specialità. Code in ogni stand al Parco del Valentino! 

Dove non c’erano assaggi si circolava con maggiore libertà di movimento, e proprio sul finir del nostro tour qualcos’altro ha destato la mia attenzione: la lucentezza di piatti e bicchieri, con Luminarc a far da padrone nel box che li conteneva. 

stand con Luminarc

Lo stand era accattivante, non solo per la lucentezza e la trasparenza degli oggetti, ma anche per la scelta degli espositori. Davano l’idea di fluttuare, disposti com’erano a diverse altezze e sospesi con cavi di acciaio. Anche la location era d’effetto: un rettangolo con tre delle quattro pareti trasparenti, posto alle spalle dello splendido Palazzo di Architettura e Design. Davanti, il fiume Po.

Mi ha attratta la luminosità dei piatti e la trasparenza delle tazzine (carine!)

stand con Luminarc

Solitamente amo gli oggetti artigianali. Questo perché mi affeziono alle storie delle persone che li producono, alle persone stesse. Apprezzo l’unicità!

Ma ad un evento di eco ormai internazionale, come Terra Madre e il Salone del Gusto, c’era da aspettarsi uno stand con oggetti di ‘portata’ altrettanto internazionale!

Arc diversifica altamente le proprie serie: allo stand  era presente la linea dei calici chef&sommelier – per i professionisti della ristorazione e per chi da essa costruisce il proprio business – Una visita alla pagina dedicata al marchio è una piccola fonte di ispirazione per ricreare a casa propria quel mood da degustazione.. Anche se non siamo professionisti del gusto! 🙂

 

 

Rispondi